La “nuova” modalità di lavoro, lo Smart Working

L’evoluzione del lavoro

Il mondo di oggi è in continua evoluzione e ogni azienda e persona cerca di attuare delle strategie e delle attività per cercare di raggiungere gli obiettivi prestabiliti in modo vantaggioso. La digitalizzazione ha portato numerosi cambiamenti alla vita quotidiana di ciascuno di noi: dalla comunicazione, alla scuola, alla lettura e così via. Proprio per questo motivo, dato che tutto sta mutando, perché non dovrebbe cambiare ed evolversi anche il modo di lavorare?

Il lavoro agile o Smart Working è una modalità che permette di lavorare da remoto da qualsiasi luogo in cui ti trovi in modo semplice e veloce. Ovviamente per poter usufruire di questa modalità è necessario essere in possesso di un dispositivo (preferibilmente computer fisso o portatile) e una connessione a Internet per poter accedere ai vari servizi.

Questa modalità esiste da tempo, ma in Italia è diventata “popolare” in seguito al COVID19, l’emergenza sanitaria in cui ci siamo imbattuti a inizio 2020. A partire da questo momento piccole, medio-grandi aziende, istituzioni e altri enti hanno iniziato a utilizzare le tecnologie a nostra disposizione per permettere alle persone di lavorare a distanza, ma anche per consentire agli studenti di frequentare le lezioni attraverso delle piattaforme di videoconferenza.

Tutto questo ha portato a una grande novità che fino a qualche anno fa non era consentita: le persone erano obbligate a farsi tutti i giorni diversi chilometri per raggiungere l’ufficio/l’università o qualsiasi altro luogo lavorativo, dovevano recarsi in negozio per risolvere i problemi legati alle proprie infrastrutture e, a volte, aspettare lunghi tempi per il proprio turno. Tutto questo comportava la spesa di grandi somme di denaro da parte dei singoli individui, ma anche una perdita di tempo. Adesso, invece, con il lavoro da remoto tutto risulta più semplice e comodo, sia per i lavoratori che per le aziende. Nel paragrafo successivo ci addentreremo nel dettaglio ad analizzare quali sono i punti di forza, ma anche le criticità di questa modalità.

I vantaggi dello Smart Working

Arrivati a questo punto, ti starai chiedendo quali sono i vantaggi di questa modalità di lavoro. In primis il lavoro risulta sicuramente più flessibile e fruibile a tutti: flessibile perché una persona che lavora da remoto ha la possibilità di gestire l’orario lavorativo in maniera differente rispetto al lavoro tradizionale (ovviamente è necessario concordare l’orario con il proprio datore di lavoro nel caso in cui tu sia un dipendente); fruibile perché questa modalità di lavoro è accessibile a tutti. La conseguenza, come accennata in precedenza, è che in questo modo gli utenti possono abbattere i costi legati al trasporto portando un risparmio sia dal punto di vista economico che a livello di tempo. Questi sono a tutti gli effetti dei grandi punti di forza per i lavoratori.

D’altro lato, il lavoro agile porta dei vantaggi anche ai clienti e alle stesse aziende che forniscono dei servizi. Per qualsiasi problema o per dare assistenza ai propri consumatori, non è più necessario spostarsi fisicamente. In rete sono presenti dei software scaricabili direttamente sul proprio dispositivo, tramite cui è possibile connettersi da remoto sul computer del proprio cliente e apportare determinate modifiche in tempo reale. In questo modo entrambe le parti possono esprimere i propri dubbi, fare domande l’uno all’altro e risolvere i problemi che sono emersi, osservando in tempo reale ciò che l’altro sta svolgendo sul dispositivo. In sintesi, queste applicazioni permettono di accorciare le distanze, non facendo quasi percepire la distanza. Queste piattaforme hanno “salvato” numerose situazioni soprattutto in periodo di pandemia: non essendo possibile spostarsi, se non in caso di necessità, il lavoro doveva continuare a fruire.

Inoltre, un altro vantaggio dello Smart Working è che alcune aziende hanno dato la possibilità di effettuare delle collaborazioni con loro esclusivamente a distanza: in questo modo alcune persone non si sono mai recate fisicamente nell’azienda o nel luogo di lavoro, ma sono riusciti a effettuare le lavorazioni a distanza direttamente dalla propria postazione.

Lavorare da remoto risulta un punto a favore anche per l’impatto ambientale, elemento molto spesso sottovalutato dalle persone: se le persone non si devono spostare per raggiungere il posto di lavoro, allora non utilizzano i mezzi di trasporto e, di conseguenza, non inquinano l’ambiente circostante.

Vuoi sapere come aumentare le visite al tuo sito web?

Prenota subito un appuntamento gratuito online  oppure chiamaci direttamente al 0383 052137

Problematiche dello Smart working

Se finora abbiamo parlato positivamente di questa modalità di lavoro, dobbiamo essere anche consapevoli delle difficoltà e delle problematiche a cui andiamo incontro.

Innanzitutto, le persone che lavorano da remoto devono avere una postazione sicura e agibile e devono avere un dispositivo e una rete internet veloce per poter accedere ai vari servizi. Inoltre, non sempre l’ambiente di casa risulta tranquillo come l’ufficio o il negozio. Per esempio se hai dei bambini piccoli che corrono per casa, animali domestici, dei vicini rumorosi, il citofono o il telefono di casa che squilla, è difficile mantenere la concentrazione in quello che si sta svolgendo. Il lavoratore potrebbe quindi avere delle difficoltà a separare i tempi dedicati al lavoro da quelli alla vita privata, non sempre riuscendo a trovare un equilibrio tra i due.

Un’altra problematica riguarda la gestione degli impegni e degli appuntamenti: le persone potrebbero avere delle difficoltà in questa gestione proprio perché non hanno il contatto diretto/confronto con gli altri membri del team o con il titolare dell’azienda. Per risolvere questo problema però sono presenti moltissime applicazioni che puoi utilizzare per organizzare meglio il tuo lavoro e per rimanere in contatto con i tuoi colleghi. Per esempio nell’ultimo articolo che abbiamo scritto, puoi visualizzare una serie di strumenti per comunicare con il tuo team lavorativo. Basterà scaricare una delle piattaforme citate nell’articolo per restare sempre in contatto con gli altri individui. Per maggiori informazioni ti consiglio di leggere quali sono gli strumenti per la comunicazione interna aziendale.

Invece, se ci mettiamo dalla parte dei clienti, possiamo rilevare due problematiche.

  1. La mancanza del contatto con le persone: per esempio può succedere che gli individui non riescano a spiegare telefonicamente un problema e preferiscono recarsi in negozio per avere il contatto diretto con i dipendenti di un’azienda o con gli operatori telefonici. Questa difficoltà, però, può essere agilmente superata grazie alla competenza e alla formazione del team di lavoro.
  2. Fidarsi di ciò che troviamo in rete: questo è un altro problema che si può trovare stando online. Al giorno d’oggi risulta sempre più difficile fidarsi delle persone o di quello che trasmettono determinate aziende. Se non si conosce già quel prodotto o servizio, molto spesso si ha la paura di essere ingannati.


Per questi tipi di problemi ci sono dei piccoli trucchetti che possono aiutarti a capire se l’azienda che avete di fronte sia più o meno affidabile. Innanzitutto vi consiglio di controllate che l’azienda abbia un sito web e soprattutto, che esso sia ben curato. Se l’azienda lavora bene e ci tiene alla sua presenza online, terrà molto all’aspetto del suo sito web:

  • deve essere accattivante e attraente dal punto di vista grafico;
  • deve essere veloce da utilizzare;
  • i contenuti devono essere disposti in maniera chiara e di facile comprensione;
  • gli utenti devono essere guidati all’interno delle pagine del sito in modo semplice: per esempio se si tratta di una vendita online di un determinato prodotto, il consumatore deve essere guidato in tutte le fasi di acquisto di quel bene;
  • aggiornato costantemente: soprattutto se c’è una sezione dedicato alle news o al blog.


Un altro suggerimento che possiamo darti è di provare a vedere le aziende con cui collabora e i lavori che ha svolto, se ha tanti clienti o delle partnership importanti tendenzialmente significa che quella azienda è valida e affidabile.

Quindi per fare un po’ di chiarezza, perché prediligere lavorare da remoto e trovare delle aziende disposte a farlo?

Se sei arrivato a leggere fino a qui, vuol dire che sei interessato a questa modalità di lavoro.

Ricapitolando possiamo quindi dedurre che il lavoro agile risulta vantaggioso perché:

  • permette di risparmiare tempo e denaro;
  • flessibile e fruibile a tutti;
  • permette di lavorare comodamente da remoto;
  • permette di sviluppare delle collaborazioni esclusivamente a distanza;
  • non inquina l’ambiente circostante: infatti con la modalità di lavoro in Smart Working ci sono dei grossi benefici come riduzione delle emissioni di CO2 e la riduzione del traffico.


Per concludere, possiamo affermare che, nonostante tutti i vantaggi appena presentati, la modalità dello Smart Working è ben accettata e sostenuta da molte persone, soprattutto dai giovani, ma rimane ancora di difficile comprensione per le persone più anziane o per coloro che hanno difficoltà ad approcciarsi alla tecnologia. Proprio per questo motivo, ancora molte persone non sono convinte che questa modalità possa funzionare e dubitano delle sue potenzialità.

Siamo fiduciosi che tutti i dubbi e le difficoltà che le persone trovano in questa modalità con il tempo saranno superati e capiranno quanto questa modalità apporterà vantaggi nel nostro modo di vivere quotidiano.

Condividi il post

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani sempre aggiornato

logo-base315-2021

Prenota ora un appuntamento

Utilizzando il form puoi fissare un appuntamento gratuito con un membro del nostro staff.
Sarà nostra cura ricontattarti telefonicamente nella data e nell’ora che selezionerai per discutere delle tue esigenze, dei tuoi obiettivi e degli eventuali problemi legati al web che intendi risolvere.